L'idea di Il vetro si ottiene portando a temperatura elevata il silicato di calcio, sostanza contenuta in alcuni tipi di sabbia; la sabbia sciogliendosi si coagula in una pasta che, raffreddata, diventa solida e in grado di mantenere la forma.
Secondo gli studi più recenti l'invenzione del vetro è avvenuta nella Mesopotamia del III millennio a.C., quindi è passata in Egitto nel II millennio a.C., per arrivare sulle coste fenicie solo nel VII - VI secolo a.C.
Nonostante i fenici non siano dunque gli inventori del vetro, la maestria con cui hanno saputo applicare la tecnica ha reso l'arte vetraria di questo popolo tanto famosa e apprezzata dai contemporanei da creare la leggenda dei fenici come artefici di questa scoperta.

La tecnologia moderna, ha favorito lo sviluppo e la creazione di nuove tecniche, che permettono di creare svariati oggetti, d'arredo quali specchi, vasi, bicchieri, bomboniere, od anche vetrate, mensole, tavoli, lampadari.


Lo strumento principale della vetrofusione, è il forno. I forni moderni sono di 2 tipologie; quelli con resistenze poste sulla parete superiore e quelli con le resistenze poste sui lati. Le temperatura possono arriva re a 900°.

Nel forno, le parti sovrapposte di vetro, si fondono diventando un pezzo unico. La conoscenza dei materiali, l'esatta durata della cottura  e l'uso di smalti e ossidi che formano variopinte sfumature, permettono la creazione di oggetti meravigliosi.

 

Le graniglie di vetro colorato, derivate dalla macinatura della lastra, e hanno molti colori con differente granulometria, costituiscono un elemento di decorazione molto usato. nelle vetrate ed in tutta l'oggettistica in vetrofusione.

TEDA LAMP s.a.s - Via Molise, 6 - 20098 San Giuliano Milanese (MI) Italia -  C.C.I.A.A.-1122677 - P. iva 06857530155